Il nostro è un tempo  di contrasti sociali ed economici. Povertà e ricchezza, emarginazione e potere si confrontano. Ma si confrontano soprattutto una visione di vita legata all'avere (anzi, al consumare) e una visione  che fa riferimento all'essere. Mentre riusciamo a conquistare quantità sempre maggiori di informazioni scientifiche, ci rendiamo conto di dover proporre una riflessione sui valori di base, che hanno a che fare con l'uomo, nella sua essenza più profonda.

   Questa canna pensante, come Blaise Pascal definì l'uomo,  è diventata sempre più ricca di competenze tecnologiche, ma sempre più fragile, manipolata dai comunicatori di massa, attirata dalla deriva relativistica e affascinata allo stesso tempo dalle teorie ingenue della realtà che banditori di menzogne forniscono.    Per questo motivo centro della nostra attività è la riscoperta della dignità, della bellezza, della profondità dell'essere umano e delle sue conquiste, ma attraverso una lettura che si completa nella spiritualità. In poche parole, riprendendo una espressione di Jacque Maritain, facciamo riferimento ad un umanesimo integrale. Per questi motivi le iniziative (Continua)

 


 

   

Inizia il 3 marzo 2015 il corso "Condividere per crescere", articolato in una serie di sette incontri che, come per gli eventi precedenti, prevede una serie di serate in piccolo gruppo, con la conduzione di un facilitatore-conduttore professionista. 

Raggiungere maggiore consapevolezza del proprio stile di comunicazione, conoscere i propri confini, capire, essere capiti.. sono le competenze sulle quali si lavorerà attraverso metodi attivi, giochi, discussioni guidate e lettura di brani. L'obiettivo è utilizzare la condivisione di gruppo, la relazione di reciproco aiuto per la crescita interiore personale. L'iscrizione è, come al solito, gratuita e deve essere effettuata via email all'indirizzo  oppure al numero di telefono 338 909 8469. Il numero di posti è limitato.

Si è concluso il percorso

"Guarire dai ricordi" 

   Si è concluso nel mese di giugno il percorso di gruppo "Guarire dai ricordi", che si è tenuto presso la sala "San Pedar" del Comune di Tavernerio. L'iniziativa, che era partita nel mese di aprile 2014, è stata articolata in 10 incontri, durante i quali è stato possibile ripercorre fasi salienti della proprio autobiografia, attraverso giochi di gruppo, metodi attivi, riflessioni guidate e il confronto facilitato dal conduttore.   

Essere vegetariani

Aspetti nutrizionali ed etici

di una scelta

    Essere vegetariani è un modo di mangiare, ovviamente, ma anche uno stile di vita e una scelta legata al rispetto della vita animale condivisa da un numero sempre maggiore di italiani. Dai dati EURISPES 2013 sembra che ben 3 milioni di nostri concittadini abbiano deciso di evitare carne e pesce, mentre ad  essi  si aggiungono  circa 660.000 vegani, ossia le persone che non assumono neanche derivati animali, come il latte e le uova. Su questo tema l’Associazione Aurora di Como ha organizzato una serie di serate aperte al pubblico,(Continua)  

Christian Life skill

un progetto per genitori e figli

    Molte famiglie riferiscono gravi difficoltà nel gestire l'educazione dei figli, partendo dal fatto che spesso si è messi davanti al compito di essere genitori senza aver prima frequentato una "scuola" adatta. Il progetto CRESCINSIEME dell'Associazione Aurora nasce da una idea del Dr. Biagio Tinghino che è stato sviluppata poi, proprio alla luce di questo bisogno, in collaborazione con la Dott.ssa Valeria Degiovanni, psicologa e psicoterapeuta. Il nucleo di persone che ha partecipato  

 

all'esperienza pilota, che si è conclusa nell'ottobre del 2013, è stata costituita da un gruppo di genitori credenti che si incontrano abitualmente, in quanto facenti parte dello stesso gruppo associativo di fede evangelica, e che hanno deciso di intraprendere un percorso che li aiutasse nel percorso educativo dei figli. 

   La realtà dell’essere gruppo è importante, in quanto si colloca tra la dimensione familiare (quindi un ambito ristretto) e la dimensione sociale (ambito molto ampio). Si tratta di un ambito fondamentale per il loro sistema di credenze e sistemi di valori, che costituisce un riferimento temporale (almeno settimanalmente, il sabato) di condivisione sia dei genitori/adulti che dei rispettivi figli.

   Il gruppo, quindi, sentiva la necessità di un progetto comune, da svolgere come ponte verso la dimensione familiare – da una parte – e la dimensione sociale allargata. Dimensione fondamentale di questo bisogno è l’aiutarsi reciprocamente e l’essere aiutati nella gestione dell’educazione dei figli. Un’altra parte, altrettanto importante, è stata  capire in che modo l’identità valoriale nella quale si riconoscono potesse