Conversazioni sulla Bibbia

ciclo di conferenze

 

 

   Si  sono tenute ad Albate (COMO), presso il centro civico Cascina Massé,  nelle serate del 9,16,23 gennaio 2014 tre conferenze  dal titolo CONVERSAZIONI SULLA BIBBIA, grazie all’iniziativa dell’Associazione di Volontariato “AURORA DI COMO”.  Si è trattato di un ciclo di incontri ad approccio interconfessionale che aveva come obiettivo l’affrontare alcuni aspetti poco esplorati del testo sacro della cristianità. L’iniziativa è stata organizzata con il patrocinio della Shepherd University, sezione italiana, dell’ABSI (Associazione Biblica  della Svizzera Italiana) e dell’ABEM  (Associazione Biblica Euro-Mediterranea). 

   La prima serata (9 gennaio) è stata costituita da una Conferenza-concerto dal titolo La musica e l’interiorità: storie e  percorsi di speranza.  La Bibbia ci racconta dei canti e della poesia che hanno sostenuto gli sforzi verso la libertà del popolo di Dio, ma che sono diventati un riferimento per tutti i popoli del mondo che hanno patito oppressione e schiavitù, ed hanno sperato in un riscatto, sia esso sociale che interiore. Alla serata hanno partecipato gli artisti gospel Gemma Prudente, Claudia Di Giandomenico, il chitarrista classico Samuele Cilia, e la pianista Sara Di Mauro che hanno eseguito brani legati al tema.

    La seconda serata (16 gennaio) era centrata su una tavola rotonda con la partecipazione del teologo Prof. Ernesto Borghi, presidente dell’Associazione Biblica Svizzera e con la moderazione del Dott. Biagio Tinghino, presidente dell’Associazione Aurora di Como. Il tema era La Bibbia, tra fede e liberazione.    Nel corso dei secoli  la fede è stata utilizzata come strumento  per piegare le persone ai fini  dei potenti, o come imperativo categorico per soggiogare le coscienze. Ma la fede ha costituito anche il motore del cambiamento  e della speranza degli uomini, l’ispirazione per riforme e movimenti  che hanno consentito il progresso dell’umanità. La tavola rotonda, che ha visto confrontarsi il pensiero teologico e quello umanistico, ha esplorato entrambi gli aspetti della fede, nelle sue varie connotazioni.  Due letture bibliche, una dall’Antico Testamento e una dal Nuovo Testamento, hanno costituito la base della discussione e la sollecitazione per nuovi interrogativi.

                         

   L'ultimo incontro (23 gennaio), dal titolo  Il Vangelo come spunto per una psicoterapia del quotidiano è stato condotto dalla Dottoressa Barbara Guidotti, psicologa e psicoterapeuta. L’obiettivo era discutere sui  percorsi di cambiamento  che si verificano lungo la  vita e che, in genere, fanno riferimento ai processi di apprendimento dall’esperienza (self-learning theory). Una rilievo particolare, nell’esposizione della serata, è stato  attribuito ad una rilettura del Vangelo, in cui si  riportano storie ed esperienze straordinarie  di rinnovamento.   Ogni episodio delinea un setting specifico, un  confronto  ed  una domanda essenziale che  esita  in una guarigione del profondo o in un rifiuto definitivo.  Sullo sfondo il quesito: “Può, ancora oggi, la lettura e il confronto col Maestro attivare conversioni, cambiamenti, guarigioni dell’interiorità?” Se ne è discusso attraverso il punto di vista della psicoterapia e il punto di vista biblico.